Pai sul Garda
Bellissimo paese addormentato e sconosciuto:
Pai di Torri del Benaco, sul lago di Garda
© Ralf Geryk 2014
Last Update: 28.06.2017

Curiositá

Il monte Gu

Il   nome   geografico   originario   di   questo   monte   é   Monte   Pizzocolo,   ma   pochi   lo   conoscono per tale. Il   Monte   Gu   si   erge   con   una   parete   rocciosa   a   perpendicolo   sulla   sponda   bresciana, dominando   la   grande   scena   del   Lago   e   la   penisola   di   Toscolano-Maderno   che   si   stende ai suoi piedi. Venne   chiamato   "Gu",   probabilmente   come   accorciativo   dell'aggettivo   francese   "aigu" aguzzo:   per   la   forma   della   parte   sommitale   che   rappresenterebbe   il   profilo   del   naso   di Napoleone. Si   pensa,   che   tanto   l'origine   di   questo   nome   come   la   leggenda   del   profilo   di   Napoleone siano nate durante le guerre napoleoniche. Si   racconta   che   i   soldati   francesi   giunti   per   la   prima   volta   nei   pressi   di   queste   rive   e osservando stupefatti quel monte esclamarono "c'est aigu, aigu!" Le   popolazioni   che   udirono   l'esclamazione   ripeterono,   distorcendola      in   "Gu",   nome   che col passar del tempo divenne definitivo. Nella   sponda   veronese   c'é   un   comune   proverbio,   per   ironizzare   sui   profeti   delle   previsioni del tempo, che recita cosí: "Quando el Gu el gá el capél, o che'l piove o che'l fa bél!" Per capello si intende una nuvola che sovrasta spesso la cima del Monte Gu. (Redazione: Nives Brighenti)
Un racconto: Da   bambina   rimanevo   ore   alla   finestra   con   mio   nonno, ad   ammirare   i   tramonti   invernali   sul   lago.   Davanti   a   me si   stagliava   il   profilo   del   monte   Gu,   che   si   colorava   di viola,   di   rosso,   di   rosa.   Mentre   la   sera   avanzava,   le   luci della    sponda    bresciana    s'accendevano.    "Quella    è l'America"      diceva   scherzando   mio   nonno,   ma   io   non cogliendo l'ironia, pensavo davvero fosse l'America!
Giosué Carducci nell'ode "Sirmione", riferendosi a Sirmione, lo canta cosí:  "Il Gu sembra un titano per lei caduto in battaglia supino e minaccevole."  Giovanni Pesce, poeta veronese, ammirandolo dal balcone di S. Zeno di Montagna, che lo fronteggia:  "Dicono che abbia Nelle linee della vetta Un profilo napoleonico, ed egli ci crede, lo sciocco, e per questo non fa altro che specchiarsi nel grande Lago turchino."